Amare il proprio compagno

amare-il-proprio-compagno

Amare il proprio compagno di vita è l’essenza della mia esistenza.

Quando incontrai i suoi occhi, non pensai minimamente che quel ragazzo con il dolce sorriso mi avrebbe stregato il cuore.

Fui conquistata lentamente, o forse lentamente mi accorsi cosa mi stava accadendo dentro.

La razionalità non riuscì a controllare gli impulsi del mio cuore, il mio desiderio di stargli accanto, di ascoltare la sua voce, prese il sopravvento e mi ritrovai profondamente innamorata.

Ancora adesso mi chiedo cosa mi attrasse di lui esattamente, ma non vi è risposta, non riesco a spiegare come mai proprio lui, la sua presenza, la sua anima, il suo cuore riuscivano e riescono a sciogliere il mio essere.

Grazie a te, io sono io.

logo-01

Sempre innamorata dell’amore, da vera romantica desideravo una grande storia da fiaba, totale, viscerale, profonda, un amore unico, ma nello stesso tempo la mia razionalità mi portava a pensare che non l’avrei mai trovato, che non sarebbe esistito per me.

Tutte le bambine sognano il proprio matrimonio, convinte che sicuramente qualcuno possa conquistare il loro cuore.A me questa convinzione non mi apparteneva. Non vedevo possibile trovare realmente la metà della propria mela, benché la desiderassi, non consideravo minimamente l’ipotesi, anzi ero certa che avrei vissuto la mia vita da sola, che avrei concentrato tutte le mie energie su me stessa, che avrei studiato, lavorato, senza permettere a nessuno di avere un ruolo così importante nella mia vita. Sarebbe stato impossibile trovare qualcuno che sarebbe riuscito realmente a stregare il mio cuore… ma invece incontrai lui.

Mi ritrovai disarmata davanti alla sua gentilezza, conobbi emozioni a me sconosciute, mi sentii amata e imparai a non controllare i miei sentimenti, li lasciai liberi di amare.

Tu mi ispiri amore mio, tu mi doni la volontà di essere migliore.

logo-01

Lo amai tanto e lo amo tuttora, nonostante i nostri diciassette anni insieme e non potrei fare altrimenti.

Ancora una risposta del perché io possa amarlo così tanto, non l’ho mai trovata.

Sinceramente non l’ho più cercata, lui dice che se c’è bisogno di trovare delle risposte, significa che c’è qualcosa che non va, che non si può spiegare ciò che non ha spiegazione, l’amore si deve solo vivere.

Ha ragione, la mia anima scelse la sua, i nostri cuori si unirono, così è stato e così è.

Solo chi sa amare ha infinite possibilità.

logo-01

Lo sposai, non tanto perché il dovere ti porta inevitabilmente all’altare, ma perché da credente, a modo mio, desideravo davanti a Dio, unire le nostre vite. Fu uno dei giorni più belli della mia esistenza, insieme alla nascita del nostro bambino.

La gioia nell’aver superato insieme ogni difficoltà, ogni spazio, ogni tempo, ritrovandoci vestiti da sposi, fu una grande vittoria da festeggiare, ricordo ancora che scelsi le letture della messa e questo passaggio fu il mio preferito:

“l’uomo non osi separare ciò che Dio unisce”

In poche righe sembra tutto così semplice, anch’io nel trascrivere le mie emozioni, mi accorgo che adesso è tutto risolto ed ogni difficoltà appare lontana, ma non fu proprio così, tanti fattori esterni incisero sul nostro rapporto, durante tutta la nostra relazione, ma la grande forza dell’amore ci aiutò a lottare.

Potranno negarci tutto… Potranno pensare di imporsi su di noi… Potranno credere di conoscere i nostri reali bisogni… Lasciali fare amore mio… Non ci potranno mai impedire di amarci.

logo-01

Amare mio marito è qualcosa di naturale, unico e appagante, dolcemente appagante.

Adoro essere amata da lui, ma ancor di più adoro amare lui, prendermi cura della sua persona, capirlo, consolarlo, renderlo felice mi riempie il cuore, credo fortemente che amare sia donare.

È così semplice amarti basta guardarti negli occhi per rimanere affascinati dalla tua anima.

logo-01

Fatico ancora adesso a catalogare la sua figura nella mia vita con un nome … marito … fidanzato, lui per me è l’amore, il mio amore, il compagno della mia vita.

Scelgo lui, oltre il tempo che passa, continuo a scegliere lui, continuo a seguire il mio cuore e a voler trascorrere la mia vita, le mie gioie, le mie difficoltà con lui.

Sto con lui perché mi fa stare bene.

 Ho imparato nella vita ad amarmi e a bastarmi, ma lui è di più, è la mia linfa vitale, dona un senso ad ogni giorno,  rendendolo migliore.

La sua dolcezza e le sue attenzioni mi sorprendono ancora oggi, trova sempre un modo per dimostrare il suo amore, ed io mi perdo al cospetto di tanta meraviglia.

Lo stimo profondamente per il suo modo di vivere la vita, per la sua gioia indiscussa, per il suo essere così speciale, sempre un gentiluomo, sempre premuroso.

Penso che potrei stare ore a scrivere di lui, di noi, esprimere tutti i sentimenti racchiusi nel mio cuore, lui è il dono più bello che la vita potesse donarmi e nostro figlio è il frutto dolcissimo del nostro legame.

Ma non voglio riempire l’articolo solo con le mie emozioni, l’obiettivo di questo post è scuotere le tue.

Comprendo il mio alto grado di esigenza, e mi sono sempre detta che se mai avessi scelto di stare insieme con qualcuno, questo sarebbe stato il meglio che esiste, non mi sarei mai accontentata.

Ma comprendo che non è così per tutti.

Spesso si sta insieme per abitudine, noia, per paura di stare soli si passa la vita insieme a persone per le quali si prova affetto … ma non amore.

Il limite è sottile, pare inesistente, ma c’è un divario enorme tra l’affetto e l’amore.

L’amore deve toccare l’anima, deve scuotere, deve far battere forte il cuore quando si incontrano gli occhi dell’amato, l’amore deve emozionare al solo sfioro della pelle.

Amare è struggersi l’anima… È miscelarla insieme con un’altra … È tutto o niente… In amore non ci sono le mezze misure… Non ci si può concedere in parte… L’amore è totalità…

logo-01

L’amore non conosce tempo, distanza, conosce solo se stesso e si nutre di se stesso.

Ancora oggi il solo pensiero di lui mi riempie il cuore, la voglia di stare con lui, nonostante la frenesia della vita, è sempre presente per respirare il suo profumo e bramare la sua pelle.

L’amore c’è o non c’è, non si può condividere la vita insieme con una persona e sperare che magari con il tempo le cose possano cambiare, la scintilla che unisce due cuori appare in modo naturale, non la si può creare dal nulla.

Oppure sento dire a volte…” ma sai poi con il tempo le cose si perdono”… come posso perdere la migliore parte di me?

Come posso non prendermi cura del nostro amore?

Come posso non alimentare la mia linfa vitale?

Non ne sono capace.

Con il tempo io lo amo ancor di più, con il tempo ho imparato a conoscerlo meglio, ad amarlo più profondamente e lo risposerei ogni giorno della mia vita.

È così normale per me, come respirare.

La gioia che ho nel sentire la sua voce, incontrare i suoi occhi mi riempie le giornate.

Il rispetto che ci unisce, ci fa superare le nostre discussioni, le nostre divergenze di opinione e ci permette di comprendere con il cuore l’altra persona.

Ci sono matrimoni che nascono e muoiono come il nascere e il tramontare del sole, così velocemente senza sapere perché.

Se non s’impara a stare bene con se stessi difficilmente si può stare bene con gli altri, se non si riesce a donare il proprio cuore per la sola gioia di dare è raro che si riceve amore. Se si tende a razionalizzare tutto, giustificare anche i sentimenti, difficilmente questi possono essere spontanei e veri.

Quando chiedo…”ma tu lo ami?”

Le risposte sono svariate … a volte uno sgomento iniziale e poi … “certo che lo amo” … come se fosse ovvio e scontato …

Oppure qualcuna che riesce a essere più sincera con se stessa e mi risponde …

“gli voglio bene”.

Non basta.

L’amore deve disarmare, deve bruciare dentro il cuore, la passione deve ardere sempre.

Il vero amore dev’essere totalizzante, non si deve accontentare mai.

È l’unica cosa che ci rende vivi. Donare amore regala un valore alla nostra esistenza, non esimere la tua persona dal farlo, non ti accontentare, vivi di passione, fai della tua esistenza un capolavoro di emozioni forti, non lasciare scorrere il tempo senza sentirti vivo dentro il cuore.

Che sia compagno o compagna non cambia, ciò che unisce le persone va oltre ogni forma che il corpo possa avere.

L’amore è amore, non ha forme stabilite, non lo si può catalogare, impedire, obbligare, non si può generarlo dal nulla o annientarlo per chissà quale motivazione, l’amore … si autoalimenta, cresce, si evolve, esiste, e quando appare .. bisogna solo lasciarlo vivere.

logo-01

Credo fortemente che l’amore sia un’armonia d’anime e non comprendo come si possa limitare e giudicare, un sentimento tanto puro e vero, quando esiste.

La libertà di amare è un diritto per tutti.

Chi sono io per autorizzare l’amore?

Ogni forma di amore è amore.

Tra uomini, donne, qual è il problema?

Su quest’argomento rimango sempre un po’ basita da alcune affermazioni che sento.

Amare l’amore è amare la vita!

Per accettare bisogna comprendere, per comprendere bisogna conoscere, per conoscere bisogna osservare e per osservare, bisogna farlo con il cuore.

Datti l’obiettivo di non concederti alla banalità del cuore, datti l’obiettivo di riempire la tua vita di emozioni vere e sincere, datti l’obiettivo di concedere la tua anima a chi sarà in grado di concedere la sua, amati talmente tanto da cercare qualcuno che sappia fare altrettanto con se stesso e che voglia perdersi infinitamente solo con te.

logo-01

Ascolta il tuo cuore sempre, ascolta le sue emozioni, condividi la tua vita con la persona che ami davvero, che sa emozionare la tua anima, che ti sa far battere il cuore.

Tuo marito, il tuo fidanzato, la tua metà ti deve appagare, lo devi scegliere sempre, perché è il tuo cuore che te lo comanda, solo così potrai amare anche tu … il compagno della tua vita.

Tu come vivi l’amore per il tuo compagno?

Lascia un tuo commento, parliamone.

 

3 AZIONI PER AMARE IL PROPRIO COMPAGNO:

  • Ascoltare il proprio cuore, lasciarsi guidare dai sentimenti
  • Rendere felice il proprio compagno: ascoltandolo, lodandolo, prendendosi cura di lui.
  • Donare se stessi: la parte più vera di noi 

3 ERRORI DA EVITARE PER AMARE IL PROPRIO COMPAGNO:

  • Razionalizzare i sentimenti: dare un significato ad ogni cosa
  • Lasciarsi vivere, confondendo l’affetto con l’amore: per abitudine e/o comodità non affrontare le situazioni che non ci appagano il cuore.
  • Essere egoisti: non desiderare il benessere altrui

 

Buon proseguimento.

Vivi le emozioni del tuo cuore, ascolta le sue parole d’amore, e che siano urlate, sussurrate, scritte, pensate, bisbigliate, dette o non dette, l’importante che siano

scritta-01

Commenti

maria luisa
29 settembre 2016 at 20:14
Complimenti,parole bellissime che ci fanno riflettere e ci aiutano. Quella dolce vocina,frutto del vostro amore e' dolcissima. Bravi stupendo lavoro Un abbraccio Tita e Roby

Scrivi un commento

@kateandnik