Amare le vacanze

Si parte!

Già la preparazione delle nostre valige amplifica i benefici della nostra vacanza, con tutte le aspettative che vi riponiamo.

Tutto pronto.

Entusiasmo a fior di pelle.

Eccitazione che ci invade il cuore.

Finalmente ci siamo, si va in vacanza.

Le ultime ore, gli ultimi minuti, gli ultimi attimi, che ci hanno separato dalle nostre meritate vacanze, sono sembrati eterni, complici il caldo, la stanchezza, i preparativi.

Non vediamo l’ora di sentirci liberi da ogni impegno, per impegnarci solo sul nostro relax.

Sì perché le vacanze sono il nostro benessere.

La ricarica rigenerante necessaria dopo un duro lavoro.

La voglia di spensieratezza, di lasciare alle spalle responsabilità, doveri, cose infinite da fare.

In vacanza abbracciamo la vita, godiamo la nostra famiglia.

 In vacanza facciamo tutto ciò che desideriamo.

Apprezziamo il caldo del sole, le giornate infinite, l’estate.

Viviamo la vita diversamente, amiamo ogni cosa.

Certo i primi giorni di vacanza dobbiamo ristabilire i nostri equilibri, dobbiamo riprenderci la nostra vita.

Abbiamo corso fino all’ultimo minuto, abbiamo cercato di ricordarci ogni cosa da prendere per vivere le nostre vacanze e quando capiamo davvero che entriamo in modalità relax ecco che la nostra stanchezza esplode.

Diveniamo un tutt’uno con ogni forma di lettino, che sia un comodo sdraio o un telo sulle pietre delle spiagge liguri, l’importante è riposarsi.

Dopo qualche giorno iniziamo ad abituarci alla nostra nuova condizione, a conoscere i nostri ritmi biologici.

Quando riusciamo finalmente a mangiare in orari normali, ad ascoltare i nostri pensieri, a scegliere di riempire le nostre giornate con attività che davvero ci piacciono, rinasciamo.

Ci riprendiamo con insistenza la nostra vita.

Impariamo a capire quanto ci piace oziare o scoprire il mondo o nuotare o arrostirci al sole.

Apprezziamo con il cuore colmo di gioia la compagnia delle persone che amiamo.

In vacanza tutto assume un aspetto diverso, tutto diventa più semplice, ogni cosa si depura dal superfluo.

In vacanza riscopriamo dentro di noi la capacità meravigliosa di vivere il cambiamento a piccole dosi, sarà per quella voglia matta di riempirci di ricordi indimenticabili.

Poco importa la grandezza del posto di dove dormiremo, di come condivideremo la nostra stanza, l’importante è divertirsi, assaporare la vita, ritrovare gli affetti e soprattutto noi.

Quando finalmente trasformiamo in una magnifica routine ogni giorno di vacanza, ecco lo shock: tutto potrebbe finire.

Le vacanze, come ogni cosa, hanno una fine e forse è proprio quello che le rende così affascinanti e meravigliose.

Tutto ciò che ha una fine, è prezioso.

E mentre cerchiamo negli ultimi momenti di incidere in maniera ancor più forte ogni attimo di benessere, di apprezzare ogni cosa che ci circonda, di riempirci gli occhi e il cuore, la nostra vacanza giunge al termine.

Tutti i preparativi nel partire, tutta la gioia di godersi il nostro relax, tutta l’attesa, stanno sfumando via insieme al tempo che passa.

Quando ci accorgiamo di tutto ciò, è come se rimettessimo improvvisamente i nostri piedi sulla terra.

Come se dovessimo scegliere improvvisamente di scendere dai nostri sogni, dal nostro benessere.

E non basterà pensare alle prossime vacanze, non basterà pensare alle cose comunque meravigliose che ci aspettano a casa.

In vacanza noi ci stiamo davvero bene.

Mentre risistemiamo le nostre valige, ricomponiamo i nostri ricordi, un po’ di malinconia ci invade il cuore e ci fa domandare: perché le cose belle devono sempre finire?

Forse per apprezzarle davvero, per credere senza indugio alla loro fantastica magia.

Nel viaggio di ritorno entriamo già in modalità fare, elenchiamo nella nostra mente tutto ciò che ci aspetta, tutti i nostri doveri ai quali non possiamo sottrarci.

Vediamo tutto con aria diversa, il lavoro inizia addirittura a mancare, perché lo cogliamo in maniera oggettiva, ricordandoci quanto ci piace.

Quando ritorniamo nella nostra casa, con le valigie piene di vestiti da lavare, cose da sistemare, ma con il cuore ricco di ricordi, tutto appare strano.

Se chiudiamo gli occhi, abbiamo le immagini nitide della nostra vacanza, ma se li apriamo, il nostro presente è assolutamente un altro, catapultandoci nella nostra vita reale, quella che abbiamo scelto per ogni giorno.

La nostra vacanza rimane un ricordo meraviglioso di vita, da domandarci se l’abbiamo vissuta davvero o è stato solo il nostro sogno più bello.

Dopo qualche giorno di ripresa della nostra routine, nonostante sulla nostra pelle ci siano ancora i raggi del sole, tutto cambia.

Dopo qualche settimana i benefici delle nostre vacanze sembrano non riuscire a rimanere vivi dentro di noi.

I bellissimi ricordi non sono abbastanza forti da resistere allo stress, alle responsabilità, alle corse e tutto torna come prima.

Dopo qualche mese abbiamo bisogno urgentemente di una nuova vacanza per vivere il nostro benessere, per sentirci liberi e padroni della nostra vita.

Le vacanze non dovrebbero avere una data di scadenza.

Scegliamo le nostre vacanze con cura, attenzione, assaporando il nostro benessere già mentre pianifichiamo il nostro viaggio.

Chissà perché fatichiamo a riporre lo stesso impegno nell’organizzare il nostro quotidiano, la nostra vita.

Forse è più facile scappare, gustarsi il benessere a piccole dosi, che assumersi la responsabilità di scegliere un cambiamento.

Viviamo le vacanze come topi in gabbia.

Partiamo tutti nello stesso periodo, frequentiamo tutti gli stessi posti, ci schiacciamo come sardine sulle spiagge e facciamo chilometri di coda sulle autostrade, però riusciamo a farlo quasi spesso, addirittura con il sorriso.

Sarà il fascino dell’andare via, del sentirsi pur sempre una sorta di libertà scorrere nelle nostre vene.

Sarà che in quelle due settimane circa, possiamo dire di sentirci davvero vivi.

In fondo le vacanze sono proprio questo relax, riposo, benessere.

Ma siamo davvero certi che potremmo vivere la nostra vita solo in periodi così circoscritti?

E se ci gustassimo la serenità della vacanza ogni giorno della nostra vita?

Non dico il dolce far nulla, ma se riuscissimo a vivere la vita che desideriamo sempre, non sarebbe meraviglioso?

Allora proviamo a ritagliarci i nostri spazi, a vivere secondo i nostri valori.

Abbiamo solo una vita e siamo solo noi a scegliere davvero come viverla.

Impariamo a vivere in modalità vacanza più spesso.

Nel nostro quotidiano, nei nostri doveri, creiamoci dei momenti per noi.

Non possiamo pensare di vivere davvero la nostra famiglia, i nostri affetti, noi stessi in momenti limitati.

Dobbiamo coltivare ogni giorno la nostra pace.

 Quest’anno l’arrivo delle mie vacanze è differente dagli anni passati.

Niente corse, niente valige piene di cose che non userò, niente preparativi con l’ansia di dimenticare qualcosa, nessuna voglia di riposarmi, finalmente.

In questo periodo il mio riposo forzato ha creato in me altri bisogni, mi ha permesso di vedere tutto ciò che mi circonda in maniera diversa.

Poco importa se non partirò.

Quest’anno non devo raggiungere nessuna meta per ritrovare me stessa.

Non ho la necessità di disintossicarmi da nulla.

Ho compreso tutte le volte che sono partita per sfuggire da qualcosa, di tutte quelle volte che ho riposto in una vacanza le mia aspettative di vivere la vita che volevo, senza accorgermi del mio quotidiano.

Ore e ore per organizzare, pianificare tutto in maniera quasi perfetta, cercando ogni comodità.

Adesso non ho la necessità di andare chissà dove, di fare chissà cosa.

Adesso ho la necessità solo di vivere.

 Il miglior viaggio che possiamo fare è dentro noi stessi.

Fino a qualche mese fa sarebbe stato impensabile non partire per le ferie anche quest’anno, ma il destino sa spezzare con la sua magia ogni cosa per donare altro.

Comprendo quella voglia di vacanza, me la ricordo molto bene, ma quest’anno non mi appartiene.

Quest’anno voglio portare in ogni giorno della mia vita quel benessere che si assapora dentro di sé quando si è in ferie.

Voglio vivere la mia libertà di farmi del bene, senza andare da nessuna parte se non dentro me stessa.

Lasciamo andare ciò che ostacola il nostro benessere.

Purifichiamoci l’anima.

Abbandoniamoci ogni tanto al vuoto.

La vacanza è vivere il presente, senza pensare al passato, senza pianificare il futuro.

Usciamo dalla gabbia del topo.

Che la nostra vita intera possa avere la spensieratezza di una bellissima vacanza.

Affrontiamo le nostre paure.

Illuminiamo la nostra esistenza ogni giorno.

Ascoltiamo il nostro cuore.

Torniamo alla semplicità.

Prendiamo consapevolezza delle nostre azioni.

Concediamoci più spesso il riposo.

Iniziamo ad amare le vacanze in modo diverso.

 

Tu come vivi le vacanze?

Lascia un tuo commento, parliamone.

3 AZIONI PER AMARE LE VACANZE:

  • Rendiamo ogni giorno della nostra vita meraviglioso.
  • Ricerchiamo sempre il nostro benessere.
  • Viviamo tutta la nostra vita con tutta la gioia di una lunghissima vacanza.

 

3 ERRORI DA EVITARE PER AMARE LE VACANZE:

  • Vivere bene solo nel periodo di vacanza.
  • Riporre cura per pianificare solo le vacanze e non il nostro quotidiano.
  • Non cogliere le meraviglie della vita di ogni giorno.

Buon proseguimento di giornata.

Vivi le emozioni del tuo cuore, ascolta le sue parole d’amore, e che siano urlate, sussurrate, scritte, pensate, bisbigliate, dette o non dette, l’importante che siano

Scrivi un commento

@kateandnik