Amare le proprie abitudini

 

Le abitudini sono delle esperienze ripetute che radicano in noi dei comportamenti automatici.

Nelle nostre giornate si scandiscono un’infinità di abitudini che abbiamo memorizzato, scelto, che creano la nostra routine.

Abbiamo mai riflettuto su quanto siano straordinariamente importanti nella nostra vita?

Già perché le abitudini raccontano di noi, ritmano le nostre giornate, costruiscono il nostro benessere o malessere.

Siamo l’insieme delle nostre abitudini.

Le nostre abitudini nascono per soddisfare i nostri bisogni, molto spesso inconsci.

Non ci accorgiamo come ogni giorno ripetiamo certi comportamenti, certi pensieri, certe azioni che riflettono le nostre scelte di vita.

Ma come si ripetono le nostre abitudini?

Normalmente il ciclo è molto semplice:

segnale -> rituale -> gratificazione.

Cioè in noi scatta qualcosa, il segnale appunto, che innesca automaticamente nella nostra mente e nel nostro corpo un rituale, cioè l’abitudine.

Quest’abitudine si è consolidata in noi perché riesce a donarci una gratificazione immediata.

La gratificazione diviene la risposta al segnale.

Quindi quando abbiamo un bisogno, questo ricerca nelle abitudini la sua soddisfazione, creando degli automatismi.

Sembrerebbe tutto fantastico: meno dispendio di energie e molta gratificazione.

Peccato che non tutta questa gratificazione sia efficace e crei davvero il nostro benessere.

Esistono le buone e le cattive abitudini.

Abbiamo automatismi che ripetiamo quotidianamente che sono nocivi per la qualità della nostra vita.

Il nostro benessere è il frutto di tante buone abitudini.

Molto spesso siamo ben consapevoli di quali possano essere i comportamenti e gli schemi mentali corretti per vivere il proprio successo personale, eppure fatichiamo a cambiare.

Questo perché rimaniamo ancorati alle nostre abitudini, le difendiamo, ne siamo dipendenti.

Le nostre abitudini soddisfano il nostro bisogno di sicurezza.

Quindi pur con tutte le buone intenzioni nell’adottare uno stile di vita sano, nel dedicarsi al proprio benessere, fatichiamo a cambiare.

Addirittura sabotiamo noi stessi la riuscita, per rimanere nella nostra meravigliosa e sicura area di comfort.

Bisognerebbe abituarsi a non abituarsi.

La linea sottile che divide il dire dal fare è la stessa che ritroviamo tra piacere e dovere.

Spesso le abitudini errate si travestono in piaceri effimeri, mentre le buone abitudini in doveri pressanti.

La nostra ricerca del piacere alimenta la nostra stessa abitudine, rafforzandola.

Il dovere invece non appaga.

Quindi il primo passo per creare e fissare nuove buone abitudini sta nel trasformare ciò che si cela nel dovere, in piacere.

Cioè trarre tutti i benefici possibili dalle buone abitudini.

 Liberiamo la nostra creatività.

Ci vuole coraggio a cambiare le proprie abitudini.

Le abitudini non sono solo e semplicemente dei comportamenti, anche la nostra mente crea degli automatismi di pensiero.

Le storie che ci raccontiamo, le associazioni che facciamo, i giudizi che diamo, i nostri stati d’animo, spesso sono il frutto di un insieme di abitudini radicate in noi.

Diventiamo ciò che ci raccontiamo.

Ci abituiamo facilmente a pensare sempre nello stesso modo, a mantenere le nostre idee, a come ci definiamo.

Non possiamo sottovalutare il potere straordinario della nostra mente e l’influenza del modo abituale che abbiamo di parlare a noi stessi.

Se una persona ha l’abitudine di denigrarsi, non sentirsi mai all’altezza delle situazioni, continuerà ad alimentare la sua percezione per abitudine.

Altrettanto farà il vincente che crede nelle sue possibilità, avrà sviluppato in lui l’abitudine a coltivare la sua autostima con successo.

Le nostre paure, la nostra libertà, l’amore che proviamo per noi stessi emergono attraverso le nostre abitudini.

Dentro il nostro modo abituale di pensare e comportarci ci siamo davvero noi, la nostra essenza.

Quindi facciamo attenzione a quali abitudini scegliamo e perché.

Cerchiamo di abbracciare il cambiamento, inteso come possibilità per evolversi e migliorarsi, verso la ricerca del proprio benessere.

Cerchiamo di aprire le nostre vedute, la nostra mente, ampliamo i nostri orizzonti.

Evitiamo di rendere ogni giorno della nostra vita ripetitivo e pieno di cattive abitudini.

Diveniamo consapevoli.

Doniamoci ogni possibilità.

Tutta la nostra vita è nelle nostre scelte quotidiane.

Creiamo nuove abitudini efficaci per il raggiungimento del nostro benessere.

Alleniamo ogni giorno con coraggio la nostra forza di volontà.

Non dobbiamo necessariamente stravolgere totalmente la nostra vita subito, sarebbe un fallimento dichiarato.

Creiamoci piccoli obiettivi quotidiani, sarà la somma di tutti i piccoli passi che determinerà la nostra riuscita.

Creiamo il nostro focus verso il nostro benessere.

Trasformiamo con creatività i doveri in piaceri.

Semplifichiamoci la vita concentrandoci sull’essenziale.

Concediamoci il tempo per inciampare durante il percorso.

Solidifichiamo la nostra disciplina nel rialzarci e continuare.

Alleniamo la nostra determinazione.

Instauriamo buone abitudini.

Abituiamoci a sorridere alla vita.

Come possiamo capire se le nostre abitudini siano realmente buone o cattive?

Analizziamole, ascoltiamole e chiediamoci se sono davvero efficaci per il nostro benessere, se rispecchiano i nostri valori, se arricchiscono concretamente la nostra vita.

Liberiamoci da ciò che è futile e dannoso.

Ci scegliamo le nostre gabbie e le nostre gioie.

Ascoltiamo il cuore.

Premiamoci per ogni successo, per ogni traguardo, solo così consolideremo con piacere la nostra nuova abitudine.

Riprendiamo il controllo della nostra vita.

Concediamoci il nostro tempo.

C’è chi dice che ci vogliano 21 giorni per instaurare una nuova abitudine, chi 30, chi 45.

Ci vorrà il tempo che ci serve.

Manteniamo il nostro focus.

Creiamo la nostra vita.

Doniamo a ogni nostra azione o pensiero valore.

Scegliamo l’amore.

Iniziamo a coltivare l’abitudine ad amarci, ad essere gentili, a coltivare la gratitudine.

Incominciamo stabilendo in noi l’abitudine a esprimere le nostre emozioni, i nostri sentimenti.

Non sprechiamo la nostra vita.

Riprendiamo il controllo con consapevolezza.

Iniziamo a essere fieri e orgogliosi di amare le nostre abitudini.

Siamo consapevoli delle nostre abitudini.

Tu come vivi le tue abitudini?

Lascia un tuo commento, parliamone.

3 AZIONI PER AMARE LE ABITUDINI:

  • Essere consapevole di ogni cosa che facciamo e pensiamo.
  • Comprendere quali sono i nostri bisogni da soddisfare.
  • Avere il coraggio di cambiare e creare delle nuove abitudini che ci migliorino la vita.

 

3 ERRORI DA EVITARE PER AMARE LE ABITUDINI:

  • Rimanere intrappolati nella propria routine.
  • Avere paura di cambiare.
  • Sottovalutare le nostre scelte quotidiane.

 

Buon proseguimento di giornata.

Vivi le emozioni del tuo cuore, ascolta le sue parole d’amore, e che siano urlate, sussurrate, scritte, pensate, bisbigliate, dette o non dette, l’importante che siano

Commenti

16 aprile 2017 at 22:55
[…] la propria vita, ripetendo abitudini che limitano la nostra capacità di crescere non […]
15 maggio 2017 at 18:23
[…] con le nostre abitudini il ritmo del […]
22 maggio 2017 at 9:05
[…] da bambini impariamo a conviverci, creiamo le nostre abitudini, impariamo a […]
11 giugno 2017 at 22:53
[…] emerge quando si scontra con la nostra serenità, quando modifica inevitabilmente le nostre abitudini, quando ci tocca […]
30 luglio 2017 at 16:32
[…] la nostra nuova abitudine a ringraziare la vita, noi stessi, gli […]
26 agosto 2017 at 22:18
[…] volte la tecnologia anziché agevolare le nostre abitudini le […]
4 settembre 2017 at 22:30
[…] Abbiamo la piena libertà di prediligere il nostro malessere o il nostro benessere dalle definizioni che fanno parte delle nostre abitudini. […]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

@kateandnik