Amare l’autunno

 

Davvero potremmo amare l’autunno?

Il sole tramonta prima, le temperature si abbassano, gli alberi perdono le loro foglie.

Eppure in tutto questo evolversi la natura fa il suo corso e diventa possibile anche amare l’autunno.

Già perché è proprio in tutti questi aspetti meravigliosi che si evolve la vita, anche la nostra.

A volte non ci facciamo neanche più caso, sempre di corsa, indaffarati, non notiamo più tutto ciò che di meraviglioso ci circonda.

I colori stupendi dell’autunno sono affascinanti.

Il sole scalda poco e regala tramonti meravigliosi.

Anche dentro di noi viviamo la magia dell’autunno.

Proprio a settembre crediamo in un altro capodanno, con tutti i buoni propositi connessi.

Sarà l’abitudine di iniziare un nuovo anno scolastico, che ci ha accompagnato per molto tempo, che riponiamo nell’autunno, un altrettanto nuovo inizio.

Forse potremmo davvero in autunno rinascere.

Osservando la natura comprendiamo la magia della vita.

Osserviamo gli alberi per comprendere la vita, perché gli alberi sanno spogliarsi di tutto.

Accettano l’evolversi delle cose, fanno cadere senza esitazione tutte le loro foglie, si scoprono da ogni cosa, come dovremmo fare noi ogni tanto.

Dovremmo lasciare andar via il superfluo.

Dovremmo vivere con semplicità e leggerezza.

Dovremmo riuscire a non attaccarci a nulla, a creare interdipendenza.

Come gli alberi, dovremmo avere radici profonde che ci tengono ben saldi ai nostri valori.

Altro

Amare le parole

Le parole hanno una straordinaria magia.

Come potremmo non amarle?

Come potremmo non comprendere il loro straordinario potere?

Sono i suoni che escono dalla bocca delle persone che si prendono cura di noi mentre scopriamo per la prima volta il mondo.

Sono ciò che impariamo a capire.

Sono un modo per esprimere noi stessi, per raccontarci, per dichiarare il nostro amore.

Sono un modo per definire il nostro mondo.

Le parole hanno un potere immenso.

Le parole possono creare o distruggere.

Le parole sono codici che ci permettono di comunicare e con quali codici scegliamo di farlo, dipende solo da noi.

Pur influenzati dalle parole che sentiamo continuamente, che ci hanno inculcato, ognuno dentro di noi, utilizza le proprie parole.

E quando si sceglie con cura le parole da usare, da interpretare, da non dire, comprendiamo la loro vera importanza.

Perché le parole che usiamo parlano di noi, esprimono il nostro essere, manifestano le nostre emozioni.

Abbiamo imparato con il tempo a definire ogni cosa, più facilmente ciò che non riguarda noi.

Conosciamo il nome di tutto ciò che ci circonda.

Fin da piccoli ci insegnano a memorizzare infiniti termini per innescare l’infinito sapere.

Ma difficilmente ci consigliano le parole per comprendere noi stessi e attraverso le nostre credenze, le nostre convinzioni, il nostro giudizio, gli altri, ci definiamo.

La qualità delle parole che ci raccontiamo è direttamente proporzionale alla qualità della nostra vita.

Altro
@kateandnik